fbpx
Logo EVOLUTI 2023

Neuromarketing e packaging: perché ad acquistare è il nostro cervello

Packaging

Nel marketing contemporaneo, il packaging assume un ruolo non più relegato al puro confezionamento, ma piuttosto diventa entità semantica carica di valenze persuasive, essenziale nel modulare l’esperienza d’acquisto e la percezione del brand.
In questa matrice comunicativa, esso diviene un veicolo trasmissivo di valori, un medium tangibile attraverso cui il messaggio di marca si cristallizza, stimolando risposte comportamentali e decisionali da parte del consumatore. Tale processo di comunicazione non è mai casuale ma finemente voluto e determinato attraverso l’applicazione di principi derivanti dal neuromarketing, un dominio interdisciplinare che si colloca all’intersezione tra marketing, neuroscienze e psicologia cognitiva.
Scopriamone allora di più.

Cosa si intende per neuromarketing

Il neuro-marketing si configura come lo studio delle reazioni sensoriali e neurali dei consumatori di fronte a stimoli esterni di marketing, tra cui il packaging. Le sue fondamenta si consolidano sulla premessa che il comportamento d’acquisto è meno un esercizio di razionalità e più un complesso di risposte emotive e subconscie. Attraverso l’analisi di pattern cerebrali, il neuromarketing si prefigge di decifrare processi mentali e cognitivi sottesi alle decisioni di acquisto, delineando quali elementi di design e quali messaggi comunicativi siano in grado di innescare l’attivazione di aree cerebrali associate al desiderio, al piacere e alla ricompensa.

Il valore intrinseco di “una confezione”, per l’appunto il noto packaging per dirla in termini tecnici, quindi, si eleva da semplice custode fisico del prodotto a strumento di marketing strategico. Elementi come la scelta del colore, la struttura tattile, la tipografia e l’architettura visiva non sono solo dettagli estetici, ma stimoli progettati per evocare risposte neurali specifiche. L’intento è quello di creare un connubio tra prodotto e consumatore che si traduca in fiducia, riconoscibilità e, in ultima istanza, lealtà. Una profonda strategia di engagement.

La connessione fra neuro-marketing e packaging si esplicita nella capacità di quest’ultimo di agire come un silent salesman, un venditore silente ma estremamente eloquente, capace di influenzare il consumatore nel suo customer journey attraverso un linguaggio non verbale ma estremamente potente. La comprensione e l’applicazione dei principi del neuro-marketing nel design del packaging possono quindi tradursi in un decisivo vantaggio competitivo, capace di influenzare le dinamiche di mercato e di guidare il consumatore nel processo di scelta, determinando in maniera sostanziale il successo (o la sconfitta) commerciale di un prodotto.

Il fondamento cognitivo del neuro-marketing

A questo punto è necessaria una premessa: l’architettura cerebrale umana è intricata e reattiva, una rete di connessioni e sinapsi che risponde agli stimoli ambientali in maniera complessa e talvolta non immediatamente intuibile. Il nostro cervello non è un ricevitore passivo ma un processore attivo di informazioni, che decodifica segnali visivi e li traduce in percezioni, emozioni e decisioni. Nell’ambito del neuromarketing, uno stimolo esterno (come può essere quindi anche un packaging di prodotto) viene analizzato attraverso un prisma che considera la sua capacità di attivare determinate aree cerebrali: da quelle visive, incaricate dell’elaborazione delle forme e dei colori, a quelle prefrontali, legate alla valutazione e alle decisioni, fino a quelle limbiche, centro delle emozioni e delle risposte affettive.

Quando il cervello umano è esposto, ad esempio proprio ad un packaging, si assiste a una serie di reazioni che iniziano dalla corteccia visiva: qui le proprietà estetiche del packaging sono processate, e forme, colori e texture diventano stimoli che possono scatenare una cascata di reazioni neurali.
I colori, per esempio, possono evocare associazioni culturali e emotive, mentre le texture possono influenzare la percezione della qualità e del valore. La disposizione spaziale degli elementi su un imballaggio, la leggibilità del testo e l’armonia complessiva sono fattori che interagiscono con le nostre funzioni cognitive, influenzando la memorabilità del prodotto e la facilità di suo riconoscimento immediato.

Le neuroscienze hanno identificato specifici pattern di attività cerebrale  e attraverso strumenti come la risonanza magnetica funzionale (fMRI) e l’elettroencefalogramma (EEG), è possibile osservare in tempo reale quali aree del cervello si attivano in risposta a un packaging particolarmente efficace. Il neuromarketing sfrutta queste informazioni per capire quali elementi di design possano ottimizzare tali reazioni, contribuendo alla costruzione di una strategia di packaging che non solo catturi l’attenzione ma che stimoli anche la connessione emotiva e dunque la lealtà del consumatore.

La capacità del cervello di processare informazioni visive e di assegnare loro un significato è cruciale per le decisioni d’acquisto. Pertanto, la comprensione di come il cervello elabora queste informazioni diventa un fattore chiave nel design di un packaging che non solo informi e protegga il contenuto ma che agisca anche come un vero e proprio agente persuasivo, modulando la decisione d’acquisto del consumatore attraverso processi cognitivi che sono radicati nella biologia umana.

Componenti visive del packaging che influenzano la decisione d’acquisto

Il packaging rappresenta un elemento critico nel dialogo visivo e nella relazione tra il prodotto e il consumatore, un veicolo trasmissivo di messaggi cifrati nella cromaticità dei colori, nelle geometrie e nelle rappresentazioni iconografiche che innescano e modulano la decisione d’acquisto (o meno). In un mercato saturo di opzioni, la differenziazione visiva tramite il packaging diviene uno strumento di persuasione commerciale, calibrato per comunicare valore.

Il colore nelle strategie visive

Nella gerarchia delle componenti visive, il colore assume una preminenza per il suo immediato impatto psicologico e la sua capacità di influenzare l’umore e il comportamento del consumatore. La teoria del colore nel marketing è ampiamente documentata e implementata; tonalità vivaci possono evocare un senso di eccitazione e dinamismo, mentre i toni più sobri e terrosi tendono a comunicare stabilità e naturalezza. I colori possono anche attivare associazioni identitarie profondamente radicate, fungendo da catalizzatori di significati e valori brandizzati. L’impiego strategico del colore nel packaging deve essere calibrato con precisione: un colore troppo ubiquitario può annegare il prodotto nell’anonimato, mentre una scelta troppo audace senza un adeguato contesto può generare dissonanza e respingere il target di riferimento.

“F” come forma e forza nel design di packaging 

Allo stesso modo, le forme e il design del packaging contribuiscono significativamente alla percezione del valore e all’identità di marca.
Forme geometriche pulite e simmetriche possono evocare ordine e precisione, mentre forme organiche e asimmetriche sono spesso interpretate come più naturali e autentiche. La scelta di un design minimalista o di uno riccamente ornamentale può influenzare la percezione di lusso, l’accessibilità o l’eco-sostenibilità. La conformazione fisica del packaging, inclusi fattori come la texture e il materiale, rafforza ulteriormente il posizionamento del prodotto, toccando i sensi del consumatore e influenzando le percezioni di qualità e funzionalità.

Immagini ed icone come corredo grafico e visivo

Infine, le immagini e le icone presenti sul packaging servono come ancoraggio per la memoria emotiva e la riconoscibilità del brand. Le immagini possono raccontare storie senza parole, (o anche con le parole nel caso di testi scritti), evocando esperienze e sentimenti con un potere immediato e universale. I loghi, ad esempio, quando ben progettati, funzionano come segnali visivi potenti e distintivi, che possono essere decodificati rapidamente dal cervello, permettendo al prodotto di spiccare sullo scaffale e di essere facilmente identificato e ricordato in successive occasioni d’acquisto.

Le scelte di design devono essere informate da un’analisi attenta del comportamento del consumatore, utilizzando dati e insight del mercato per modellare esperienze d’acquisto che non solo attraggono l’attenzione ma che rafforzano anche la relazione tra il consumatore e il brand.
La progettazione del packaging, pertanto, è una vera e propria metodologia di comunicazione visiva che, se efficacemente implementata, può ottimizzare l’esperienza complessiva del consumatore e determinare il successo commerciale e l’evoluzione della percezione di un marchio nel suo mercato di riferimento.

Etica e neuromarketing

L’intersezione tra neuroscienze e marketing ha generato una vivace discussione etica, specialmente nel contesto specifico del packaging.
Se da un lato questa convergenza disciplinare ha aperto scenari innovativi nella comprensione del comportamento del consumatore, dall’altro ha sollevato interrogativi sulla liceità di tali pratiche sotto il profilo dell’autonomia decisionale del consumatore.

La preoccupazione fondamentale riguarda la potenzialità del neuromarketing di sfociare in forme di manipolazione occulta, sfruttando meccanismi decisionali non consapevoli dell’individuo. Suscitare, infatti, risposte neurali subliminali attraverso caratteristiche di packaging scientificamente calibrate potrebbe trascendere la semplice persuasione, entrando in una zona grigia, dove l’individuo non ha piena cognizione dell’influenza esercitata sulle proprie preferenze e scelte. Inoltre, l’esplorazione e l’eventuale sfruttamento delle vulnerabilità neurali, come le tendenze innate verso certi colori o forme, potrebbero essere interpretate come un’infrazione al principio di rispetto dell’individuo come agente autonomo e razionale.

La sfida etica consiste allora proprio nel delineare confini chiari e responsabili che separino le pratiche di neuro-marketing orientate al benessere e al valore per il consumatore da quelle che invece ambiscono a ottenere l’assentimento del consumatore attraverso mezzi occulti o ingannevoli. È fondamentale stabilire protocolli etici, che garantiscano trasparenza e informazione, permettendo ai consumatori di comprendere la natura e il grado dell’influenza esercitata sulle loro decisioni di acquisto. La sensibilità etica e l’autoregolamentazione sono strumenti cruciali per assicurare che la ricerca e l’applicazione del neuromarketing avvengano in maniera rispettosa, mantenendo l’integrità e la dignità del consumatore al centro del processo.

Un equilibrio si può raggiungere solo attraverso l’adozione di standard che promuovano la responsabilità sociale d’impresa, incoraggiando le aziende a perseguire non solo l’efficacia commerciale ma anche il benessere dei consumatori. Questo approccio implica un’attenta riflessione sulle implicazioni a lungo termine delle strategie di marketing, considerando l’impatto che esse possono avere sulla fiducia e sul rapporto tra consumatori e marchi, ma soprattutto sottendono la possibilità data alle aziende di doversi affidare solo ad agenzie di comunicazione, packaging e design eticamente corrette. In ultima analisi, la sostenibilità delle pratiche di neuromarketing dipende dalla capacità di coniugare l’innovazione tecnica con un impegno costante verso l’etica e il rispetto del consumatore, assicurando che la premessa sia anche strumento di comprensione e soddisfazione delle esigenze del consumatore e non si traduca in altro, mai.
Se vuoi scoprirne di più, e vuoi realizzare per la tua azienda un progetto di packaging che rispettano i principi di neuromarketing, contattaci per una consulenza gratuita e saremo felici di occuparci del tuo brand.

progresso di lettura

categorie

cerca fra gli articoli

gli ultimi articoli

seguici sui social

evoluti è al tuo fianco

Dai una svolta alla tua immagine digitale.

COSA STAI ASPETTANDO?

Contattaci per una consulenza gratuita

[]
1 Step 1

Richiedi Informazioni 

Cliccando "Invia" Dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy.
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder