Tali attività possono andare dalla banale promozione del sito, fino all’iscrizione in servizi che raggruppano le directories in modo tematico, passando per le normali pratiche SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing).
Uno delle strategie da considerare potrebbe essere una campagna di article marketing. Nella grande maggioranza dei casi ciò si concretizza nella pubblicazione di una serie di articoli sullo stesso dominio, eventualmente organizzati sotto forma di blog. Esistono molti indicatori di questo tipo, ma chiaramente uno dei più importanti è quello assegnato da Google.

Il piano di promozione di un nuovo sito andrebbe messo in cantiere molto prima di passare on-line. Per quanto la qualità dei contenuti possa essere valida, o i prodotti convenienti, un qualsiasi sito rischia di passare completamente inosservato senza un’adeguata attività di promozione. La serie di azioni da intraprendere, assieme alle strategie attuabili, rientrano nella cosiddetta pianificazione delle attività di Web marketing.
Tali attività possono andare dalla banale promozione del sito, fino all’iscrizione in servizi che raggruppano le directories in modo tematico, passando per le normali pratiche SEO (Search Engine Optimization) e SEM (Search Engine Marketing).

 

 

Considerata la molteplicità delle strategie possibili è difficile riassumere in un unico articolo una serie di suggerimenti esaustivi sull’argomento. Per questo motivo ci concentreremo sui primi passi da fare successivamente alla pubblicazione online del nostro sito. Come già detto, anche se tali attività possono essere realizzate solamente dopo la pubblicazione sito, è bene pianificarle in anticipo.

Uno delle strategie da considerare potrebbe essere una campagna di article marketing. Nella grande maggioranza dei casi ciò si concretizza nella pubblicazione di una serie di articoli sullo stesso dominio, eventualmente organizzati sotto forma di blog. Lo scopo di questa tecnica è di ottenere diversi risultati: in primo luogo viene migliorato il posizionamento nei motori di ricerca, semplicemente perché aumentano i contenuti offerti dal sito. Ciò significa, in particolare, che è molto importante scegliere con cura gli argomenti trattati negli articoli. Se vendiamo scarpe, ovviamente non andremo a pubblicare articoli di storia o letteratura. In secondo luogo la presentazione di articoli a tema aumenta le probabilità di ottenere dei backlink verso il nostro sito: quanto più sono interessanti (e azzeccati) i contenuti degli articoli, tanto più è probabile che qualche lettore inserisca un link verso il nostro dominio.
Il numero di backlink indirizzati verso il nostro sito è importante ai fini del Page Rank, che indica quanto bene si posiziona il nostro sito nelle classifiche dei motori di ricerca. Questo indicatore va sempre tenuto sott’occhio per sapere come cresce la nostra visibilità nel tempo. Esistono molti indicatori di questo tipo, ma chiaramente uno dei più importanti è quello assegnato da Google.
Uno strumento online per verificare il Page Rank è disponibile qui. La scelta di far conoscere il nostro sito attraverso una campagna di article marketing impatta chiaramente sull’architettura e sulla tecnologia utilizzate per implementare il sito stesso. Se vogliamo ospitare una serie di articoli, o un blog, spesso è bene prendere questa decisione durante le fasi di analisi e definizione dei requisiti tecnici. Ciò permette di ridurre i costi sia iniziali che di manutenzione. Ovviamente sempre possibile aggiungere funzionalità di questo tipo in un secondo tempo, ma potrebbe non risultare conveniente.
Strategie SEO
Il SEO (Search Engine optimization) riassume insieme di tutte le tecniche utilizzate per aumentare la visibilità di un sito, ovvero scalare le classifiche dei motori di ricerca. Queste tecniche si differenziano dalle strategie di Web marketing, perché di solito avvengono più basso livello: se nel Web marketing possiamo collocare tutte le strategie di promozione sul Web, siano esse di natura sociale, pubblicitaria o tecnologica, per SEO si intende invece l’insieme delle pratiche tipicamente tecnologiche che mirano a migliorare l’indicizzazione delle nostre pagine.Per questo motivo il SEO dovrebbe essere un componente software già incluso nella piattaforma. A questo punto la questione sul come attivare il SEO dipende dalle scelte tecnologiche e architetturali che stanno alla base dello sviluppo del sito.
Altri suggerimenti

Altre attività di Web marketing da considerare per promuovere il nostro sito potrebbero essere delle campagne PPC (Pay Per Click) pubblicitarie, che si concretizzano nell’inserimento di piccoli banner o box pubblicitari nelle pagine dei siti più famosi. Un esempio classico potrebbe essere una campagna su AdWords: ciò significa, in particolare, che il nostro annuncio verrebbe pubblicato accanto ai risultati delle ricerche effettuate su Google. Volendo possiamo anche scegliere di far pubblicare i nostri annunci su altri siti, perché AdWords di Google si combina con AdSense, lavorando in concerto: se noi paghiamo per vedere pubblicati i nostri annunci via AdWords, dall’altra parte c’è chi decide di inserire questi annunci sul proprio sito usando AdSense, con la promessa di ricevere delle entrate per ogni clic. Ovviamente, il giorno in cui raccoglieremo i frutti della nostra promozione, potremo noi stessi mirare ad aumentare le entrate esponendo annunci invece che pagando per farli pubblicare. Ovviamente, accanto a queste strategie, rimane sempre valida l’attività di condivisione e promozione del sito sui canali più popolari dei diversi social network. In alcuni casi, a seconda del budget che vogliamo investire, possiamo anche considerare la possibilità di una campagna tramite comunicati stampa.

In questa categoria possiamo considerare anche le attività di inserimento nei servizi di Business directories. Esistono molti servizi di questo tipo, spesso gratuiti, di buona qualità. Il tipo di directories a cui iscriversi dipende chiaramente dai contenuti o dalla tipologia dei prodotti. Se la nostra è un’attività di e-commerce possiamo considerare servizi come Google Business Directory oppure Yelp, tanto per citare alcuni dei più famosi. Se invece pubblichiamo articoli, notizie o blog possiamo rivolgerci ai cosiddetti servizi di Articles directories, che svolgono lo stesso compito nell’ambito editoriale.

Come ultimo consiglio ricordiamo che l’attuazione di molte attività promozionali non richiede né competenze tecniche né la conoscenza accurata dei nostri prodotti o contenuti. Una pratica molto diffusa è quella di coinvolgere amici, parenti o conoscenti per incaricarli semplicemente di rintracciare attività collegabili alla nostra, che permettano l’inserimento di commenti ai propri contenuti, in modo da inserire dei backlink al nostro sito.
Attenzione però: questa è un’attività da eseguire facendo attenzione alle questioni deontologiche. Commenti di questo tipo devono sempre essere centrati, autentici, e interessanti: il banale commento vuoto, inserito su un altro sito solamente lo scopo di avere un backlink verso il nostro, rischia di essere catalogato come spam o indesiderato. Questo è un rischio da evitare per almeno due motivi: innanzitutto sprechiamo le nostre risorse, perché investiamo su un’attività che non produce alcun effetto. In secondo luogo rischiamo di farci cattiva pubblicità, ottenendo come unico risultato quello di essere inseriti in una sorta di black-list, eventualità assolutamente da evitare se vogliamo promuovere il nostro sito.

Per questo motivo, a seconda del budget e della situazione, molte aziende scelgono di investire in servizi professionali, invece che affidarsi a soluzioni informali (amici e parenti) come quella paventata sopra. Anche in questo caso è importante prestare molta attenzione alle modalità con le quali ci viene proposto un aumento della visibilità. L’opzione di pagare qualcuno semplicemente per cliccare “mi piace” sul nostro sito, o per condividere i nostri contenuti o inserire dei backlink su altri siti, va svolta controllando che vengano rispettate le normative in questione. Oltre alle questioni legali, c’è anche da considerare un altro fattore: se tramite questi meccanismi otteniamo un certo traffico, c’è il rischio di creare una “dipendenza” dal servizio. Il giorno che decideremo di far a meno di aiuti esterni, potremo veder crollare l’afflusso delle visite. Per questo motivo attività simili vanno considerate molto attentamente, e spesso soltanto come ultima spiaggia.

 

Milioni di persone ogni giorno utilizzano i motori di ricerca, principalmente Google, Bing, Yahoo, per effettuare acquisti online, per ricercare e trovare aziende, servizi e/o prodotti, per prenotare le proprie vacanze. I siti che sono posizionati ai primi posti nei risultati di questi ricerche tra la prima e la seconda pagina “intercettano” i loro potenziali clienti nel momento in cui vogliono fare un acquisto, trasformandoli da utenti a potenziali clienti a clienti veri. Lo stai facendo anche tu per la tua attività?

 

Ogni giorno centinaia di potenziali clienti cercano online i Vostri prodotti o servizi attraverso i motori di ricerca. Non essere presente nei primi posti nei motori di ricerca per le parole chiave che descrivono la vostra azienda significa perdere delle opportunità di business perchè questi clienti, invece che comprare da voi, comprano dai concorrenti.

Cosa fanno i vostri potenziali clienti su un motore di ricerca:

Il vostro sito è rintracciabile?
E’ ai primi posti sui motori di ricerca?
Oppure state perdendo clienti lasciandoli andare dalla concorrenza?

Milioni di persone ogni anno utilizzano i motori di ricerca per effettuare i loro acquisti online, per trovare aziende e servizi, per prenotare le loro vacanze..

E lo fanno utilizzando delle parole chiave che descrivono i loro interessi, come per esempio:
infissi in alluminio Enna
prenotazione hotel Milano
termoidraulica Agrigento
corsi di vendita
rivenditore di parquet caltanissetta
officine riparazioni auto Firenze

 

I siti che sono posizionati ai primi posti nei risultati di questi ricerche “intercettano” i loro potenziali clienti nel momento in cui vogliono fare un acquisto, trasformandoli da potenziali clienti a clienti veri.

Lo stai facendo anche tu per la tua attività?
Ricorda: se non è il tuo sito ad essere ai primi posti sui motori di ricerca lo saranno i siti della concorrenza. Quindi i clienti compreranno da loro invece che da te.

E’ un dato di fatto. Qualsiasi parola chiave provi a cercare su un motore di ricerca restituisce 10 risultati per pagina. Non essere fra questi 10/20 risultati significa perdere potenziali clienti e lasciarli andare alla concorrenza.

Questa è la magia della pubblicità online: sono i potenziali clienti che cercano i tuoi prodotti o tuoi servizi nel mentre in cui ne hanno bisogno. Non sei tu che ti proponi quando non hanno bisogno dei tuoi prodotti o tuoi servizi, cercando di convincerli a comprare da te.

Questa è una leva fondamentale perchè la tua pubblicità diventa un aiuto per il cliente invece che un’imposizione. E’ come se sei in giro per strada in una città straniera e hai bisogno di indicazioni, chiedi a qualcuno di aiutarti e vieni aiutato ricevendo delle indicazioni. Invece che essere tranquillo per gli affari tuoi mentre cammina in città e vieni interrotto da 20 persone che ti dicono dove devi andare e cosa devi fare.

Intercettare il cliente nel mentre in cui ha bisogno del tuo prodotto e servizio attraverso un buon posizionamento sui motori di ricerca e fare la tua proposta in maniera efficace è il segreto per aumentare le vendite ed acquisire nuovi clienti via internet.

E la cosa interessante è che paghi soltanto per i risultati: in televisione od alla radio non sai con precisione chi ascolta o vede il tuo messaggio pubblicitario, nè se aveva o meno bisogno del tuo prodotto o servizio. Nè tanto meno hai un’idea precisa di quante persone hanno visto / ascoltato la pubblicità, quante sono interessate o quante poi hanno acquistato.. Il tutto spendendo un sacco di soldi per pubblicizzare la tua attività.

Online funziona diversamente: con budget molto bassi proponi il tuo prodotto / servizio a potenziali clienti davvero interessati e puoi sapere quante persone hanno visto il tuo sito sui motori di ricerca, quante lo hanno visitato, quante hanno deciso di comprare il tuo prodotto / servizio.. Sapendo con precisione quanto ti costa acquisire un nuovo cliente e quanto ti fa guadagnare dandoti la possibilità di gestire il tuo budget pubblicitario e tararlo sulle tue esigenze. In altri termini paghi per i risultati.

La pubblicità online funziona perchè è il tuo potenziale cliente che cerca i tuoi prodotti o servizi e paghi soltanto per i risultati. La pubblicità offline funziona molto meno perchè il potenziale cliente vede passivamente la pubblicità in un momento in cui possibilmente non è interessato, con costi altissimi.

Come si fa a sfruttare appieno il potenziale della pubblicità online ed aumentare la visibilità, le vendite ed i nuovi clienti per la tua attività?

Sono diversi i fattori cruciali sui quali lavorare:

  • Tecnologia: scelta della struttura internet
  • Modularità: strutture modulari autogestibili predisposte per ampliamenti futuri.
  • Usabilità: rispetto delle più comuni regole di usabilità, navigabilità e intuibilità e le esigenze d’uso del moderno navigatore internet.
  • Rintracciabilità: strutture pronte e predisposte ad essere rintracciate dai potenziali clienti attraverso i Motori di ricerca
  • Integrazione: ottimizzazione sui Motori di Ricerca, scelta delle parole chiave.
  • Indicizzazione: del sito sui motori di ricerca
  • Prodotti e/o Servizi: lavorare sulle vostre proposte, offerte e/o promozioni per  renderle appetibili ai potenziali clienti
  • Reputazione Online:   La reputazione di un’azienda o di una qualsiasi persona è l’immagine che si ottiene analizzando le informazioni pubbliche che la riguardano.

Indicizzazione: questa fase è molto delicata è inutile infatti avere un sito che è ai primi posti sui motori di ricerca per le parole chiave sbagliate. Bisogna al contrario scegliere le parole chiave giuste per farsi trovare da potenziali clienti davvero interessati che, una volta arrivati nel vostro sito, vogliono comprare il prodotto e/o servizio o contattarvi .
Posizionamento del sito sui motori di ricerca: e la fase in cui si lavora per far apparire il sito ai primi posti nei motori di ricerca per le parole chiave di riferimento. In questo modo si intercettano i potenziali clienti nel momento in cui stanno cercando il vostro prodotto o servizio e si veicolano verso al sito, dove vedranno la vostra offerta.
L’ offerta: è il fattore non meno importante degli altri, lavorare sulla vostra offerta per renderla appetibile ai potenziali clienti. Infatti per vendere o acquisire clienti su internet valgono delle regole diverse rispetto che alla vendita telefonica / offline. Ci sono alcuni accorgimenti per incentivare il potenziale cliente a compiere una azione sul  sito: compilare un modulo di contatto, acquistare un prodotto, contattare l’ azienda telefonicamente.

Semplificando per aumentare acquisire nuovi clienti  le vendite   bisogna semplicemente capire:

  • con quali parole chiave i vostri prodotti o servizi sono cercati dai potenziali clienti
  • rendere un sito rintracciabile
  • riempire ed arricchire il sito di contenuti
  • aggiornare continuamente le vostre proposte
  • inviare periodicamente newsletter
  • posizionare il tuo sito ai primi posti per queste parole chiave sui motori di ricerca
  • creare delle proposte / offerta appetibili.